www.leziosa.com
    Home   |   Additivi alimentari   |   Conservazione   |   Frodi   |   Nutrizione   |   Cibo e malattie   |   Forum   |   Indice analitico   |   Sezioni
Che cos'è il whisky?
Altri argomenti
  Iscriviti a Leziosa
  Glossario dei termini
  Quanto ne sai di alimentazione?
  I musei del cibo in Italia e nel mondo
  Gioca con E-Lisa
  Galleria delle immagini pubblicate sul forum
  Bibliografia
  Tutti gli alimenti

 
site search by freefind advanced

Le bevande alcoliche

Birra Vino Rum whisky cognac vodka marsala vermouth Abuso di alcolici gin champagne vin santo sidro Alcolici e superalcolici
linea imbottigliamento whisky



Il whisky è un superalcolico ottenuto per distillazione di un mosto di cereali saccarificato dall'enzima diastasi del malto ivi contenuto, fermentato per azione del lievito e distillato a meno del 94,8 per cento del volume totale del liquido.
Deve essere invecchiato per almeno tre anni in fusti di legno della capacità pari o inferiore a 700 litri e una volta imbottigliato, non invecchia più. In commercio lo si trova generalmente invecchiato per 7 anni.
Deve inoltre contenere almeno il 40 per cento di alcol.
Con il termine whisky si intende generalmente un distillato prodotto in Scozia, mentre con whiskey si indicano i distillati prodotti in Irlanda e negli USA. Il whiskey viene prodotto con una tripla fermentazione, mentre il whisky è invece fermentato solo due volte.
Le diverse varietà di whisky si distinguono a seconda della zona di produzione in:
  • Bourbon whiskey: sviluppato in USA nel Kentucky, viene prodotto utilizzando principalmente il mais;



  • Canadian whiskey: prodotto in Canada sin dal 1700 utilizzando mais ed orzo;



  • Irish whiskey: prodotto in Irlanda dalla distillazione di cereali. È probabilmente il più antico whiskey del mondo;



  • Rye whiskey: prodotto negli Stati Uniti con segale ed altri cereali;



  • Scotch whisky: Accordi internazionali riservano l'utilizzo del nome «Scotch whisky» esclusivamente ai distillati prodotti in Scozia. Si tratta di whisky realizzati con orzo maltato oppure con orzo maltato mescolato a granturco;



  • Tennessee whiskey: prodotto negli Stati Uniti con mais, orzo, avena e segale. La sua produzione segue un rigido disciplinare (Lincoln County process) ed il Jack Daniel's è, la marca più famosa;



  • Blended Whisky, prodotto mescolando diversi tipi di whisky. Costituisce oltre il 90 per cento dei whisky in commercio e può essere prodotto miscelando fino a 15 prodotti diversi.
Al whisky può essere aggiunto del caramello, così che il suo colore diventi più intenso: questa procedura è però vietata in America.
Pernod Ricard risulta essere il maggiore colosso e detiene oltre 30 marchi, tra i quali Jameson, Chivas, Paddy, The Glenlivet, Scapa, Aberlour e Four Roses.





Composizione e valori nutrizionali di 100 grammi di whisky
ricette Trova le ricette che hanno come ingrediente il whisky
Trova le discussioni che parlano di alcolici
Quanto ne sai di alcolici? rispondi a qualche domanda




Sezioni di Leziosa.com imbottigliamento