www.leziosa.com
    Home   |   Additivi alimentari   |   Conservazione   |   Frodi   |   Nutrizione   |   Cibo e malattie   |   Forum   |   Indice analitico   |   Sezioni
I prodotti ittici
Altri argomenti
  Iscriviti a Leziosa
  Glossario dei termini
  Quanto ne sai di alimentazione?
  I musei del cibo in Italia e nel mondo
  Gioca con E-Lisa
  Galleria delle immagini pubblicate sul forum
  Bibliografia
  Tutti gli alimenti

 
site search by freefind advanced

Alimenti di origine animale

molluschi cozze vongola capasanta ostriche cannolicchi seppia polpo crostacei aragosta astice scampi gamberi, gamberoni e gamberetti Prodotti ittici merluzzo sogliola tonno trota Acciuga salmone Baccalà caviale Pesce in scatola bastoncini di pesce branzino surimi Olio di pesce farina di pesce
 
cotechino wurstel foiegras lardo kebab pancetta mortadella prosciutto crudo zampone soppressata bresaola carne in scatola salsiccia prosciutto cotto carne di pollo Lyoner salami
 
burro Fontina ricotta gorgonzola fiocchi di latte yogurt latte formaggio panna formaggi fusi mozzarella Asiago Burrata Robiola mascarpone crescenza Grana Provolone brie Emmental Gouda margarina strutto Olio di balena Olio di pesce Olio di fegato di merluzzo
 
miele uova salsa maionese

 
Argomenti correlati

Molluschicoltura
Acquacoltura
Pesce in scatola
Farina di pesce
Sofisticazioni
stabilimento di produzione prodotti ittici



I prodotti ittici o prodotti della pesca in mare, laghi, fiumi oppure di allevamento, comprendono le carni e le parti commestibili degli animali acquatici.
Il consumo del pesce da parte dell'uomo risale a circa due milioni di anni fa, ed ha lasciato numerose testimonianze. Il contenuto proteico dei pesci, dei molluschi e dei crostacei, equivalente a quello delle carni, fa dei prodotti ittici il secondo alimento plastico. Sotto il profilo energetico, anche il pesce, come la carne, è un alimento complementare. Varia notevolmente invece il contenuto di grassi, mentre iodio, calcio e magnesio si trovano in ottima percentuale nei prodotti ittici.
Delle circa 600 specie ittiche commestibili che abitano i mari del nostro paese, solo una sessantina arriva sulle nostre tavole. Tutte le altre hanno uno scarso valore commerciale perchè il consumatore non le conosce e quindi non le compra.
Il pesce deve essere consumato fresco oppure perfettamente conservato attraverso procedimenti e mezzi tecnici adeguati.
I principali metodi utilizzati per la conservazione del pesce sono: Nota: nel caso di pesce surgelato, i prodotti ittici di piccola pezzatura possono essere sottoposti a glassatura, uno strato di ghiaccio applicato sui pesci congelati o surgelati tramite nebulizzazione o immersione in acqua.
Lo scopo della glassatura è di proteggere i pesci durante le fasi di stoccaggio e di vendita, evitare i danni da urti, disidratazione e imbrunimento del colore, oppure contaminazioni accidentali.
Lo strato di ghiaccio aumenta il peso del pesce fino al 40 per cento, ma viene considerato «tara». Non esiste al momento una norma che indichi la percentuale massima ammessa di glassatura, che quindi può variare in funzione delle esigenze tecnologiche e delle caratteristiche del prodotto.


Quali sono i pesci grassi e quelli meno grassi?


Sono pesci poveri di grassi, ricchi di proteine e molto digeribili:


Merluzzo
Nasello
Sogliola
Orata
Luccio
Ghiozzo
Branzino o Spigola
Merlano
Platessa




Sono pesci semi-grassi, ricchi di vitamine e che contengono vitamine liposolubili e purine:


Grongo
Aringa
Sardina
Acciuga
Sgombro
Triglia
Trota
Rombo


Sono invece pesci grassi e quindi meno digeribili di altre qualità:


Dentice
Luccio
Tonno
Salmone
Anguilla
Palombo


Tra i prodotti freschi, i pesci di acqua dolce sono più digeribili rispetto a quelli di mare, ma questi ultimi sono più nutrienti, specie se catturati prima della riproduzione, quando è massimo il loro contenuto di fosforo.


Gli animali acquatici sono particolarmente suscettibili alla contaminazione da inquinanti ambientali. Collocandosi all'ultimo anello della catena alimentare acquatica, essi ricevono tutte le sostanze accumulate negli anelli precedenti.
 
La sofisticazione più diffusa consiste nel ravvivare il colore delle branchie mediante un trattamento con anilina e ammoniaca; a volte si raffredda il prodotto per provocare un rassodamento delle carni.
Come avviene per altri prodotti, anche il pesce può essere smerciato con nome non rispondente alla qualità reale: il tonno affumicato per esempio, può essere venduto come salmone affumicato.


Le frodi più frequenti sul pesce messe in luce dai controlli consistono:
  • nell'insufflamento di aria per fare sembrare i pesci più nutriti;
  • nell'impregnazione con acqua per farli aumentare di peso;
  • nel trattamento con nitrato di potassio (salnitro) per ravvivarne il colore e farlo sembrare fresco;
  • nell'uso di coloranti artificiali;
  • nell'utilizzo di conservanti illegali.






Trova discussioni, musei e quiz che parlano di prodotti ittici
Trova il contenuto di colesterolo dei prodotti ittici
Quanto ne sai di prodotti ittici? rispondi a qualche domanda




Sezioni di Leziosa.com lavorazione del pesce