www.leziosa.com
    Home   |   Additivi alimentari   |   Conservazione   |   Frodi   |   Nutrizione   |   Cibo e malattie   |   Forum   |   Indice analitico   |   Sezioni
Gamberi (o mazzancolle), gamberoni e gamberetti
Altri argomenti
  Iscriviti a Leziosa
  Glossario dei termini
  Quanto ne sai di alimentazione?
  I musei del cibo in Italia e nel mondo
  Gioca con E-Lisa
  Galleria delle immagini pubblicate sul forum
  Bibliografia
  Tutti gli alimenti

 
site search by freefind advanced

Alimenti di origine animale

molluschi cozze vongola capasanta ostriche cannolicchi seppia polpo crostacei aragosta astice scampi gamberi, gamberoni e gamberetti Prodotti ittici merluzzo sogliola tonno trota Acciuga salmone Baccalà caviale Pesce in scatola bastoncini di pesce branzino surimi Olio di pesce farina di pesce
 
cotechino wurstel foiegras lardo kebab pancetta mortadella prosciutto crudo zampone soppressata bresaola carne in scatola salsiccia prosciutto cotto carne di pollo Lyoner salami
 
burro Fontina ricotta gorgonzola fiocchi di latte yogurt latte formaggio panna formaggi fusi mozzarella Asiago Burrata Robiola mascarpone crescenza Grana Provolone brie Emmental Gouda margarina strutto Olio di balena Olio di pesce Olio di fegato di merluzzo
 
miele uova salsa maionese

 
Argomenti correlati

Molluschicoltura
Acquacoltura
Pesce in scatola
Farina di pesce
Sofisticazioni
stabilimento confezionamento gamberi



I gamberi sono crostacei molto comuni nel mar Mediterraneo, nell'Atlantico e nel Pacifico, che vivono prevalentemente su fondi melmosi. Ve ne sono diverse specie, colore e misura, ma le principali sono:
  • gambero imperiale o mazzancolla: lungo 23 centimetri, colore grigio screziato con macchie e strisce più scure dalle sfumature rosacee, presenta carni con sapore molto delicato.



  • gamberoni: la lunghezza varia dai 22 centimetri (Mediterraneo) ai 33 centimetri (Atlantico). Presentano un colore che va dal rosso al rosa anche screziato e hanno carni dal sapore delicato ma deciso.



  • gamberetti: lunghi 10 centimetri, possono essere rosa o grigi. La carne ha un sapore che sfuma nel dolce.
Il maggior produttore mondiale di gamberi è la Cina con 1,3 milioni di tonnellate l'anno, seguita da altri paesi asiatici come Indonesia, India e Thailandia. Il Pacifico è l'area dove avviene gran parte della produzione, effettuata tramite l'uso di reti a strascico oppure tramite allevamento.


La pesca dei gamberi
I gamberi sono pescati da pescherecci dotati di reti fini che permettono di pescare tutto quanto si trovi nel loro passaggio (pesca a strascico). Questo purtroppo significa che per pescare un solo chilogrammo di gamberi, viene tirato su con la rete un «by-catch» (altre specie marine non volute) fino a 5 volte tanto nelle zone temperate e fino a 10-21 volte tanto in quelle tropicali.
Queste vengono solitamente ributtate in mare, morte.


L'industria della gambericoltura
Anche se l'acquacoltura intensiva rappresenta una soluzione al problema della disponibilità, finisce per contribuire al declino della fauna marina globale in seguito all'utilizzo prolungato di sostanze chimiche sia per la prevenzione di malattie che per velocizzare la crescita degli animali tramite ormoni.
I bacini di allevamento vengono in parte installati sulle coste. Per mantenere sani i gamberi allevati, è necessario il ricambio giornaliero di 1/3 dell'acqua del bacino, costituita al 50 per cento da acqua di mare e al 50 per cento da acqua dolce. Quando i gamberetti raggiungono le dimensioni adatte per il commercio, il bacino viene svuotato, causando l'accumulo di sale e di residui organici sul fondo.
Dopo numerose raccolte il letto del bacino rimane ricoperto da resti organici e chimici in quantità tale da costringere gli operatori all'abbandono del bacino e alla realizzazione di un nuovo impianto altrove. Lasciano però foreste di mangrovie completamente distrutte ed il terreno salato e carico di agenti chimici, la cui eventuale bonifica risulta molto costosa.


I principali problemi ambientali derivanti dall'allevamento di gamberi sono:
  • perdita di ecosistemi importanti: vaste aree costiere, come quelle dove crescono le mangrovie, vengono deforestate per creare vivai per i gamberi. Nonostante l'utilizzo di pesticidi e antibiotici, la produttività del vivaio diminuisce gradualmente in seguito all'acidificazione, inquinamento, salinizzazione del terreno e dell'insorgenza di malattie infettive.
    In Asia, i vivai vengono ricavati da aree tradizionalmente utilizzate come risaie. Una volta che queste aree diventano inutilizzabili per i gamberi, non possono essere riconvertite in risaie.



  • utilizzo di antibiotici, fungicidi, alghicidi e pestici: inquinano l'acqua presente nel fondo e nel terreno circostante (salinizzazione) tramite infiltrazione dal vivaio alla terraferma.



  • in alcune aree, il cambio nel flusso e nella densità dell'acqua ha provocato modificazioni delle specie botaniche.



  • per produrre i mangimi per i gamberi vengono utilizzati specie selvatiche di pesce e scarti da acquacoltura
I gamberi di allevamento sono uguali a quelli di mare?
Da un punto di vista nutrizionale, i gamberi di allevamento presentano alti livelli di acidi grassi Omega6 e bassi livelli di Omega3 in proporzione inferiore rispetto a quelli di mare. Il motivo è dovuto al fatto che mentre i gamberi di mare si cibano di alghe e plankton, quelli di allevamento vengono nutriti con mangimi industriali.


Tra i prodotti freschi, i pesci di acqua dolce sono più digeribili rispetto a quelli di mare, ma questi ultimi sono più nutrienti, specie se catturati prima della riproduzione, quando è massimo il loro contenuto di fosforo.





Gli animali acquatici sono particolarmente suscettibili alla contaminazione da inquinanti ambientali. Collocandosi all'ultimo anello della catena alimentare acquatica, essi ricevono tutte le sostanze accumulate negli anelli precedenti.
 
I controlli nel settore della pesca si limitano troppo spesso a test sull'odore e sul sapore, finalizzati alla individuazione di pescato non fresco. Metalli pesanti, pesticidi e antibiotici vengono invece cercati sono in occasione di controlli a campione, quando si hanno dei sospetti o dietro richiesta di qualche commerciante.
Negli ultimi anni, l'Unione Europea ha bloccato l'importazione di gamberi da alcuni paesi come Tunisia e Cina perchè contenevano livelli elevati di solfiti o per la presenza di inibitori della crescita batterica.






Composizione e valori nutrizionali per 100 gr di gambero
ricette Trova le ricette che hanno come ingrediente i gamberetti
ricette Trova le ricette che hanno come ingrediente i gamberoni
Trova discussioni, musei e quiz che parlano di prodotti ittici
Trova il contenuto di colesterolo dei prodotti ittici
Quanto ne sai di prodotti ittici? rispondi a qualche domanda




Sezioni di Leziosa.com lavorazione del pesce