www.leziosa.com
To become a sponsor of this site
19 EURO/MONTH
    Home   |   Additivi alimentari   |   Conservazione   |   Frodi   |   Nutrizione   |   Cibo e malattie   |   Forum   |   Indice
Esempi di co-creazione nel settore alimentare
Altri argomenti
  Iscriviti a Leziosa
  Glossario dei termini
  Quanto ne sai di alimentazione?
  I musei del cibo in Italia e nel mondo
  Gioca con E-Lisa
  Galleria delle immagini pubblicate sul forum
  Bibliografia
  Tutti gli alimenti

 
site search by freefind advanced


 
Argomenti correlati

La pubblicità persuasiva e l'alimentazione
L'evoluzione del comportamento a tavola
L'importanza del packaging
I materiali dei contenitori per alimenti



La co-creazione è lo spazio che un’azienda produttrice decide di aprire al cliente, per lavorare insieme, in un processo di partecipazione orizzontale, ad attività funzionali allo sviluppo dell’azienda stessa. È il filo diretto tra l’azienda e il suo pubblico, dove il secondo è protagonista attivo e può, grazie alle proprie creatività ed esperienza, proporre idee innovative traducibili in prodotti e servizi.
Nel marzo 2009 Barilla ha dato vita al primo progetto italiano di co-creazione delle idee, denominato «Nel Mulino che Vorrei», che si trova all'indirizzo internet www.nelmulinochevorrei.it.
Si tratta di una piattaforma di innovazione partecipativa aperta a tutti che consente a chiunque di comunicare con il brand per contribuire al suo miglioramento e alla sua crescita. L’utente infatti, esperto o semplice consumatore che sia, può proporre la propria idea su come vorrebbe il prodotto, il packaging, la promozione oppure l’impegno corporate su tematiche ambientali o di responsabilità sociale. Ogni idea viene quindi condivisa, votata dalla community e sottoposta al vaglio di un’attenta analisi di fattibilità da parte dell'azienda.
Utopia? No, come dimostra l'ampia sezione che raccoglie le numerose idee realizzate in questi anni da Barilla con l'aiuto degli utenti/consumatori.
«Nel Mulino che Vorrei» è il primo esempio italiano di open innovation digitale. Per il lancio dell'iniziativa Barilla si è affidata alla Rete, ed ha diffuso il progetto attraverso i social network, per stimolare curiosità e interesse intorno all’iniziativa e favorire il passaparola.
Quest'esempio è stato seguito, più tardi, dalla multinazionale americana Kraft Foods Inc., la quale analogamente permette a chiunque di proporre all'azienda la propria idea. Questa può riguardare il packaging, una innovazione di prodotto, una miglioria tecnologica oppure il processo produttivo. Kraft Foods può, a sua discrezione, dare un compenso fino a 5000 dollari alle idee che ritiene più meritevoli. Anche in questo caso, si opera attraverso una piattaforma online: www.kraftbrands.com.
Ma perchè fare tutto questo? Perchè investire tempo, risorse e denaro nella creazione di questa sorta di laboratorio di ideazione e confronto?
Perchè il futuro delle aziende vede il cliente al centro. Al centro del marketing strategico, di nuovi processi commerciali, di un nuovo modo di fare Ricerca & Sviluppo.
Con l'affermarsi dei nuovi canali di comunicazione infatti, si stanno radicalmente trasformando i comportamenti e le scelte dei nuovi consumatori, i quali tendono ad essere sempre più soggetti attivi, non solo nel processo d’acquisto, ma anche nelle fasi di sviluppo di nuovi prodotti o il riposizionamento di quelli esistenti.
La co-creazione è una strategia di business e di marketing che enfatizza la generazione e la realizzazione di un valore aziendale attraverso la condivisione con il cliente. E' un concetto che vede il mercato come un luogo dove produttori e consumatori si scambiano, combinano e rinnovano insieme risorse e capacità per creare valore attraverso nuove forme di interazione, servizio e metodologie di apprendimento.
Secondo questo modello, i brand avranno bisogno dell’apporto di un cliente/consumatore sempre più insostituibile. Non più un cliente passivo, non più semplice acquirente, ma anche co-produttore.
Si tratta di un impegno nuovo, che porta l'azienda a dare un valore nuovo all’ascolto. Una visione al passo con i tempi, che pone al centro del processo produttivo industriale, il consumatore.
Un’attenzione rivolta alla considerazione che le persone hanno, o potrebbero avere, rispetto ai prodotti già presenti sul mercato o di prossima uscita. Un'attenzione che delinea un nuovo rapporto tra cliente (persona e non consumatore) e azienda produttrice, perchè è attraverso il coinvolgimento, le idee e i bisogni espressi dai consumatori che passa il processo di innovazione aziendale.
Le iniziative di successo di co-creazione, non solo in ambito alimentare, hanno alcune caratteristiche in comune. Le principali sono:
  1. Ispirare partecipazione



  2. Selezionare il meglio



  3. Collegare le menti creative



  4. Condividere i risultati



  5. Sviluppo continuo







Sezioni di Leziosa.com prodotti al supermarket