www.leziosa.com
    Home   |   Additivi alimentari   |   Conservazione   |   Frodi   |   Nutrizione   |   Cibo e malattie   |   Forum   |   Indice analitico   |   Sezioni
Cetriolo
Altri argomenti
  Iscriviti a Leziosa
  Glossario dei termini
  Quanto ne sai di alimentazione?
  I musei del cibo in Italia e nel mondo
  Gioca con E-Lisa
  Galleria delle immagini pubblicate sul forum
  Bibliografia
  Tutti gli alimenti

 
site search by freefind advanced

Alimenti di origine vegetale

asparagi cavolo cavolfiore broccoli cavoletti di Bruxelles carote patata tartufo funghi liquirizia peperone pomodoro zucca melanzana cetriolo carciofi zucchine valeriana spinaci olive
 
aglio cipolla prezzemolo capperi peperoncino curry pepe paprika zafferano noce moscata vaniglia
 
ananas avocado banane fichi ciliegie fragola cachi pera melone cocomero pesca limone mela kiwi prugna pompelmo papaya arance mirtilli lamponi lychees albicocche mango frutta sciroppata marmellata
 
frutta secca arachidi mandorle castagne datteri pinoli pistacchi noci
 
cereali mais riso farina pasta pane sostituti del pane segale farro Cracker Kamut
 
legumi piselli fagioli lenticchie lupini soia fave ceci fagiolini
 
lievito spezie zucchero tofu crauti cacao aceto di vino olio di oliva oli di semi senape salsa ketchup tabasco

 
Argomenti correlati

Alimenti transgenici
Biodiversità
Dalla raccolta al piatto
Pesticidi
Prodotti biologici
produzione cetriolini sottaceto

Il cetriolo (Cucumis sativus) è una pianta erbacea annuale originaria dell'India, appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae. I frutti che produce, i cetrioli appunto, vengono consumati prevalentemente freschi oppure destinati all'industria conserviera per la produzione dei sottaceti.


Varietà di cetriolo
I cetrioli si suddividono in cetrioli a frutto grosso e cetrioli a frutto piccolo, utilizzati per il confezionamento di sottaceti.
Le varietà commerciali più note dei cetrioli a frutto grosso sono:
  • cetriolo Ashley, cultivar molto produttiva, dai frutti affusolati lunghi 20 cm e coltivato sopratutto in serra
  • cetriolo Cubit di origine americana, a frutto medio corto
  • cetriolo Marketer di origine americana, molto produttivo, di colore verde scuro e leggermente papilloso
  • cetriolo Rollison's Telegraph, molto vigoroso a frutto lunghissimo, di colore verde scuro e liscio
  • cetriolo Torpedo, a frutto corto
  • cetriolo lungo della Cina a frutto lungo e sottile, con polpa tenera, pochi semi e dal sapore dolce
  • cetriolo Verde lungo delle Cascine molto produttivo, a frutto lunghissimo.
Tra le varietà dei cetrioli a frutto piccolo le più comuni sono:
  • cetriolino verde di Parigi cultivar da sottaceti, rustica e molto produttiva
  • cetriolino bianco da sottaceti a frutto piccolo e polpa soda.
I cetrioli hanno un contenuto in micronutrienti mediamente inferiore alle altre verdure, ma sono una buona fonte di fibre e sono inoltre ricchi di potassio (136 mg). Rilevante la presenza di vitamina K (7,2 mcg), concentrata nella buccia esterna.
I cetrioli freschi sono composti per quasi il 95 per cento di acqua e questa caratteristica conferisce loro proprietà rinfrescanti, antigottose e depurative. Hanno inoltre un basso contenuto di calorie e per questo motivo sono molto utilizzati nelle diete dimagranti.
Per alcuni soggetti il cetriolo può risultare un alimento difficilmente digeribile. In questi casi è consigliabile eliminare la buccia, tagliarlo a rondelle, salarlo e lasciarlo riposare in un colino per almeno 30 minuti.
Il loro impiego è consigliato previa cottura in caso di stati subfebbrili, intossicazioni, gotta, artrite, calcolosi, coliche ed irritazioni intestinali.
Al momento dell'acquisto, è bene scegliere cetrioli con buccia lucida e ben tesa, senza ammaccature. Le due estremità devono essere sode e non mollicce. I frutti di dimensione maggiore sono inoltre più ricchi di semi.
Il cetriolo è utilizzato anche in cosmesi per applicazioni cutanee ad azione emolliente. Già nel Cinquecento il medico e umanista italiano Pietro Andrea Mattioli raccomandava i semi e il succo del cetriolo per far bella la pelle. L'uso esterno viene oggi indicato nei casi di irritazioni ed impurità cutanee come acne, dermatosi, pelli grasse o troppo secche e screpolature delle labbra.
produzione in serra cetrioli - scherpenhuizen

Poichè crescono a contatto con la terra, gli ortaggi possono contenere residui di pesticidi o sostanze usate nelle pratiche colturali: per questo motivo occorre lavarli accuratamente.
Non sono da ignorare inoltre, alcuni fattori antinutrizionali presenti nelle verdure, come i nitrati e l'acido ossalico.
Le norme di qualità previste per la commercializzazione di frutta e verdura sono basate su parametri prevalentemente di aspetto, consistenza, organolettici e igienico-sanitari. Non sono previste analisi sulla variazione del contenuto in nutrienti.






Valori nutrizionali per 100 grammi di cetriolo
ricette Trova le ricette che hanno come ingrediente i cetrioli
Quanto ne sai di ortaggi? rispondi a qualche domanda




Sezioni di Leziosa.com verdure