www.leziosa.com
    Home   |   Additivi alimentari   |   Conservazione   |   Frodi   |   Nutrizione   |   Cibo e malattie   |   Forum   |   Indice analitico   |   Sezioni
Che cosa sono le calorie?
Altri argomenti
  Iscriviti a Leziosa
  Glossario dei termini
  Quanto ne sai di alimentazione?
  I musei del cibo in Italia e nel mondo
  Gioca con E-Lisa
  Galleria delle immagini pubblicate sul forum
  Bibliografia
  Tutti gli alimenti

 
site search by freefind advanced

Sommario del capitolo

Dieta
Classificazione degli alimenti
Calorie
Lipidi
Glucidi
Proteine
Sali minerali
Vitamine
Fibre alimentari
Radicali liberi
Dalla raccolta al piatto
Come tutti gli altri organismi viventi, l'uomo per muoversi, pensare, crescere e persino dormire, ha bisogno di energia.
L'uomo trova questa energia soltanto nel cibo, e solo mangiando puo' rifornire il proprio organismo delle calorie necessarie.

Ma che significa caloria?
Si parla di cibi ipercalorici, diete ipocaloriche, fabbisogno calorico, ma che si vuole dire in realtà?
Per definizione, si intende per caloria l'unità energetica del sistema biologico, e con questo termine viene indicata la quantità di energia utilizzabile contenuta negli alimenti.
Applicando il discorso all'uomo, è stato calcolato che in un individuo adulto, la perdita giornaliera di energia dovuta a fenomeni vitali (come il respirare, il battere del cuore, lo scorrere del sangue, la secrezione delle ghiandole, ecc) è di circa 2500 calorie (Kcal).
Per bilanciare quindi questa perdita, bisogna provvedere l'organismo di una certa quantità di nutrimento che, "bruciato", produca la quantità calorica necessaria.
Ecco quindi l'importanza di conoscere il valore calorico di ogni alimento. In particolare gli alimenti apportano energia all'organismo in questa misura:
  • ogni grammo di zuccheri apporta 4 calorie



  • ogni grammo di lipidi apporta 9 calorie



  • ogni grammo di proteine apporta 4 calorie



  • ogni grammo di alcol apporta 7 calorie
In linea di massima, per un individuo adulto (quindi senza esigenze di crescita) le calorie presenti nella dieta devono corrispondere al suo fabbisogno energetico, ossia la quantità di calorie necessaria a mantenere a lungo un buono stato di salute e un appropriato livello di attività fisica:
  • se l'individuo consuma più calorie di quante ne introduce, l'organismo utilizza le riserve corporee e l'individuo perde peso;
  • se l'individuo consuma meno calorie di quante ne introduce, l'organismo immagazzina sotto forma di grasso le calorie eccedenti e si ha un aumento del peso corporeo.
Il fabbisogno energetico deve tenere conto del peso, dell'età e del sesso dell'individuo. Ma anche dell'ambiente (varia da nazione a nazione), del clima, del tipo di attività svolta dall'individuo e alle risorse disponibili.
Nelle tabelle nutrizionali redatte dagli organismi e istituti di vari paesi l'individuo è inteso come soggetto medio, sano, senza particolari caratteristiche costituzionali e svolgente un lavoro non troppo sedentario e nemmeno troppo faticoso.
Molti studiosi di nutrizione sostengono però che oggi non ha più senso parlare ancora di calorie. Si è dimostrato infatti come si perda più peso con una dieta basata su alimenti con basso carico glicemico rispetto ad una dieta povera di grassi, ma occorre ricordare che una dieta a base di proteine e grassi non è certamente sana.











Sezioni di Leziosa.com alimenti