www.leziosa.com
    Home   |   Additivi alimentari   |   Conservazione   |   Frodi   |   Nutrizione   |   Cibo e malattie   |   Forum   |   Indice analitico   |   Sezioni
Che cos'è la birra?
Altri argomenti
  Iscriviti a Leziosa
  Glossario dei termini
  Quanto ne sai di alimentazione?
  I musei del cibo in Italia e nel mondo
  Gioca con E-Lisa
  Galleria delle immagini pubblicate sul forum
  Bibliografia
  Tutti gli alimenti

 
site search by freefind advanced

Le bevande alcoliche

Birra Vino Rum whisky cognac vodka marsala vermouth Abuso di alcolici gin champagne vin santo sidro Alcolici e superalcolici
linea di produzione di birra in bottiglia La birra è una bevanda molto antica, si dice addirittura che abbia avuto origine con il pane, essendo costituita dagli stessi ingredienti: acqua, cereali, luppolo e lievito.


Già 3000 anni fa presso gli antichi Egizi, ne esisteva una produzione elevata, differenziata in più varietà. Oggi, soltanto in Germania, esistono oltre 5.000 tipi diversi di birra.


Come si fa la birra?


La birra è ottenuta dalla fermentazione del malto d'orzo torrefatto con aggiunta di acqua e sostanze amaricanti come il luppolo. Esistono anche birre ottenute dalla fermentazione di altri cereali come riso, frumento e mais.


Nella prima fase di produzione, l'orzo viene fatto germogliare in appositi locali e la germinazione produce enzimi che scindono l'amido in zuccheri più semplici, le destrine. Ottenuto così il malto d'orzo, si arresta la germinazione con la torrefazione.
A seconda del tipo di torrefazione si ottiene malto più o meno scuro, che differenzia il prodotto finale: birra chiara, semiscura o scura.
Dopo la torrefazione, il malto viene macinato, miscelato con acqua e fatto bollire con il luppolo. Viene poi aggiunto il lievito, a seconda delle caratteristiche del quale si hanno birre a bassa o alta fermentazione: una sorta di marchio di fabbrica, che permette alle case produttrici di caratterizzare la propria birra.
La fermentazione alta è diffusa in Gran Bretagna, Olanda e in alcune zone della Germania, si completa in un tre giorni e si svolge ad una temperatura compresa tra i 12 e i 15 gradi. Il prodotto finale ha un gusto forte e deciso.
La fermentazione bassa è praticata in Germania e nelle zone a clima meno freddo. Ha una durata dai dieci ai dodici giorni, ad una temperatura di 5 gradi. La birra che se ne ottiene ha un sapore "pulito", anche se meno deciso, ed è molto più dissetante.
Dopo la fermentazione la birra deve passare da altre lavorazioni: la maturazione, la stabilizzazione e la pastorizzazione (quest'ultimo processo interessa solo alcuni tipi). Nella maturazione, effettuata a bassa temperatura, i lieviti precipitano e la fermentazione procede lentamente. La stabilizzazione avviene invece in barile o in bottiglia.
Il grado alcolico in genere è basso e va da 2-6 per cento in volume delle birre normali, ad un massimo di 8-9 per cento in volume per le birre speciali. Di solito sull'etichetta l'alcol viene riportato in volumi; per ricavare i grammi di alcol presenti in 100 ml di birra basta moltiplicare la percentuale in volumi per 0,79.
L'acqua, che a prima vista potrebbe sembrare un ingrediente di scarso rilievo, è invece molto importante perchè racchiude le caratteristiche del suolo dal quale proviene e determina varietà e tipi di birra: una bavarese è più ricca di calcare, mentre una pilsener più ricca di gesso e granito.
A differenza di altre bevande alcoliche, la birra contiene una parte di carboidrati, da 2 a 5 g ogni 100 ml, sopratutto maltosio e oligosaccaridi. Nella birra sono presenti anche alcuni minerali (potassio, calcio e fosforo), alcune vitamine (riboflavina, niacina, acido folico, acido pantotenico) ma in quantità tali da non costituire una fonte utile per la nostra dieta.
Oggetto di recenti studi sono alcuni componenti della birra, i polifenoli, sostanze ad azione antiossidante che sembrano avere anche effetti antinfiammatori, antiaggreganti sulle piastrine ed in grado di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.
Un aspetto negativo della birra correlato alla presenza delle nitrosammine che si formano durante la fermentazione a partire da nitriti e amine. Queste sostanze si sono dimostrate cancerogene nel gatto e nel topo, ma la loro assunzione con un moderato consumo di birra (minore a pari a mezzo litro al giorno) non dovrebbero costituire rischio in tal senso.
Le amine vasoattive derivanti dal malto possono provocare cefalee e ipertensione.
L'ubriachezza da birra è diversa da quella da vino: anzichè eccitazione neuropsichica produce torpore. Infatti, per coloro che soffrono d'insonnia la birra è indicata come bevanda abituale per la blanda azione sedativa dovuta all'alcool e per l'effetto soporifero dovuto al luppolo.


La birra può essere sottoposta a diverse sofisticazioni. Può infatti essere sofisticata con l'aggiunta di:
  • sostanze amidacee, zuccheri, succhi di frutta;
  • coloranti diversi da quelli provenienti da malto d'orzo torrefatto;
  • sostanze schiumogene o amare diverse dal luppolo;
  • alcol etilico.
Per la conservazione della birra è ammessa una quantità di anidride solforosa (E 220) non superiore ai 20 mg/l.





Valori nutrizionali per 100 grammi di birra
discussioni Trova le discussioni che parlano della birra
Trova le discussioni che parlano di alcolici
Quanto ne sai di alcolici? rispondi a qualche domanda




Sezioni di Leziosa.com imbottigliamento