www.leziosa.com
To become a sponsor of this site
19 EURO/MONTH
    Home   |   Additivi alimentari   |   Conservazione   |   Frodi   |   Nutrizione   |   Cibo e malattie   |   Forum   |   Indice
Che cos'è l'aceto?
Altri argomenti
  Iscriviti a Leziosa
  Glossario dei termini
  Quanto ne sai di alimentazione?
  I musei del cibo in Italia e nel mondo
  Gioca con E-Lisa
  Galleria delle immagini pubblicate sul forum
  Bibliografia
  Tutti gli alimenti

 
site search by freefind advanced

Alimenti di origine vegetale

ananas avocado banane fichi ciliegie fragola cachi pera melone cocomero pesca limone mela kiwi prugna pompelmo papaya arance mirtilli lamponi albicocche mango frutta sciroppata marmellata
 
frutta secca datteri arachidi mandorle castagne pinoli pistacchi noci
 
asparagi cavolo cavolfiore cavoletti di Bruxelles aglio cipolla carote patata tartufo funghi liquirizia peperone pomodoro zucca melanzana cetriolo carciofi zucchine valeriana spinaci
 
cereali mais riso farina pasta pane sostituti del pane segale farro Cracker Kamut
 
legumi piselli fagioli lenticchie lupini soia fave ceci fagiolini
 
lievito spezie zucchero tofu crauti cacao aceto di vino olio di oliva oli di semi senape salsa ketchup tabasco

 
Argomenti correlati

Alimenti transgenici
Biodiversità
Dalla raccolta al piatto
Pesticidi
Prodotti biologici



Produzione industriale aceto

L'uso dell'aceto ha origini antichissime: citato ripetutamente nella Bibbia, gli antichi Egizi, i Babilonesi e i Persiani lo impiegavano per la conservazione dei cibi, mentre al tempo sia dei Romani che dei Greci veniva utilizzato, oltre che come condimento, anche come bevanda dissetante, diluito con acqua.
Ricco di sali minerali e dal basso contenuto calorico (10 ml forniscono poco più di 3 calorie), l'aceto contrasta l'insufficienza biliare, facilita l'assorbimento delle vitamine e scioglie i grassi dei cibi. L'acidità contenuta nell'aceto è affine alle sostanze acide che l'organismo stesso produce per eliminare grassi e carboidrati, tanto che il PH dell'aceto è proprio uguale a quello del corpo umano.
L'agro di vino o aceto di vino è un condimento per la cui produzione vengono in genere utilizzati vini con bassa gradazione alcolica oppure con elevata acidità acetica. L'aceto bianco deriva da vino bianco, mentre l'aceto rosso da vino rosso o rosato.
La trasformazione del vino in aceto è provocata da varie specie di batteri aerobi che trasformano l'acido etilico in acido acetico con una resa del 75-80 per cento: molto acido acetico evapora, e si formano sostanze secondarie che conferiscono aroma all'aceto.
Secondo la legge 6.6.1986 l'acidità totale dell'aceto è 6-12 per cento, mentre la quantità di alcol massima è 4 per cento per l'aceto derivato da vino o da frutta, e 1,5 per cento per gli altri aceti.
Secondo la legge del 28.8.1982 la denominazione «agro di vino-aceto» è riservato al prodotto ottenuto dalla fermentazione acetica del vino; nell'ambito dell'Unione Europea vi sono aceti derivati da sidro, birra, latte, ecc.
In Italia vengono prodotti 700.000 ettolitri di aceto, oltre a quello che tradizionalmente viene prodotto in casa ed è difficilmente quantificabile; secondo Information Research-Food, solo nell'anno 2000 sono stati consumati in Italia 31,2 milioni di litri di aceto.


Come si fa l'aceto?


Nel metodo familiare o artigianale il vino è posto in una botticella di legno con una frazione della "madre" di un aceto già pronto o in via di formazione (la "madre" consiste in un ammasso di membrane gelatinose costituite da batteri acetici) e fatto stagionare per mesi. Periodicamente il vino nella botte deve essere areato per favorire l'azione ossidativa a carico dell'alcol; quando l'acido acetico che si forma si trova in una concentrazione del 4 per cento circa, l'acetificazione praticamente si arresta per continuare poi lentamente.
Nel metodo industriale invece il vino viene fatto cadere a pioggia dall'alto sopra trucioli di legno posti su un falso fondo bucherellato della botte. Il vino è prelevato dal basso continuamente e fatto ricadere dall'alto fino ad avvenuta acetificazione. L'aceto così formato fa da "madre" per il nuovo vino che si vuole acetificare, ed il ciclo dura appena una settimana, a scapito della qualità.
Un altro metodo industriale consiste nell'insufflare aria e aggiungere direttamente i batteri acetici.


Aceto balsamico e aceto balsamico tradizionale di Modena e di Reggio-Emilia


Questi aceti sono prodotti solo nelle province di Modena e Reggio-Emilia, e anzichè acetificare il vino si fa acetificare il mosto, specialmente di uva Trebbiano, previa cottura a fuoco lento, fino ad una riduzione del 50 per cento.
La maturazione avviene nei solai con batterie di almeno cinque barili di diverse qualità di legname, per esempio: castagno 100 l, rovere 59 l, gelso 40 l, ciliegio 30 l, castagno 20 l. Il mosto cotto occupa 3/4 del primo barile per almeno 5 anni (l'aceto che nel frattempo evapora viene rimpiazzato con mosto cotto), al sesto anno questo aceto viene travasato nel secondo barile (mentre nel primo si mette mosto cotto), e poi ogni anno si travasa l'aceto nei barili successivi. Quando l'ultimo barile ha ospitato per almeno un anno l'aceto, si può prelevare una certa quantità di aceto balsamico.
Per l'aceto balsamico tradizionale di Modena la legge prevede un invecchiamento di almeno 12 anni, ma alcuni aceti invecchiano per 50-300 anni! Da 200 kg di mosto fresco si ottengono 2-3 litri di aceto balsamico.
L'acidità totale deve essere 6 per cento minimo.


Oltre che un buon condimento, l'aceto è un ottimo conservante naturale, la cui azione battericida si esplica aumentando l'acidità dell'alimento, come ad esempio nel caso dei sottaceti.


etichetta aceto



L'aceto è da vietarsi alle persone sofferenti di ulcera peptica o di gastriti, o che debbano seguire diete prive di alimenti acidi.
 
Può contenere additivi come l'anidride solforica (E220) o suoi derivati (da E221 a E228).
 
Le sofisticazioni più comuni sono:
  • aggiunta di acido acetico che proviene da alcool;
  • colorazione dell'aceto con sostanze tipo enocianina;
  • addizione di composti acri come la senape, il timo, il pepe e lo zenzero;
  • addizione di metalli o di acidi come l'acido tartarico, l'acido citrico, l'acido malico, l'acido cloridrico ed altri ancora.




  Valori nutrizionali per 100 grammi di aceto
Trova discussioni, musei e quiz che parlano di aceto





Sezioni di Leziosa.com scaffali supermercato